KUMMUNIKATU FNS

730° anniversario della Rivoluzione del Vespro

 

 

A PALERMO, NELLA CHIESA DEL SANTO SPIRITO (CIMITERO DI SANT’ORSOLA), – AD INIZIATIVA DI LU FRUNTI NAZZIUNALI SICILIANU, – SI CELEBRERA’ UNA MESSA IN ONORE DELLE VITTIME E DEI CADUTI … E SI RECUPERERA’ ANCHE UNA PAGINA DI STORIA NEGATA.

 

Come avviene ormai ininterrottamente da quasi cinquant’anni, il prossimo 31 Marzo 2012, alle ore 13, a Palermo, – nella storica Basilica del SANTO SPIRITO (all’interno del Cimitero di Sant’Orsola), – sarà celebrata una Santa Messa dedicata ai Caduti della RIVOLUZIONE DEL VESPRO e ai Caduti della grande Guerra di Novant’anni che ne seguì e nella quale il Popolo Siciliano dimostrò coesione, valore, eroismo, amor di Patria (Siciliana). Ed impegno per la difesa del diritto alla Libertà e alla Indipendenza della Sicilia. La Santa Messa sarà officiata da Padre Angelo LI CALZI.

La Nazione Siciliana, allora, pagò un prezzo altissimo in termini di vite umane e di sacrifici. Ma la stessa Nazione Siciliana – e non altri – alla fine vinse e riuscì a riaffermare i propri ideali di INDIPENDENZA e di LIBERTA’. Fu, altresì, capace di tornare da protagonista nel contesto internazionale. E fu così che, fra gli Stati dell’Europa e del Mediterraneo, il REGNUM SICILIA, per atri secoli ancora, continuò ad essere in primo piano, anche per cultura, per potenza militare, per civiltà, per ricchezza.

Per completezza d’informazione, ricordiamo a noi stessi che la Basilica del Santo Spirito è la stessa Chiesa sul cui Sagrato, il 31 marzo del 1282, ebbe inizio la grande Rivoluzione.

Ci teniamo, però, a puntualizzare che la Rivoluzione del VESPRO fu una grande Rivoluzione per la Indipendenza e la Sovranità della Sicilia e per la riaffermazione della propria identità. E non un moto razzista e selvaggio contro la Francia (o contro i Francesi), che peraltro come STATO non esisteva.

Fra le personalità che saranno presenti alla cerimonia religiosa, ci permettiamo di indicare, per tutte, il Professor CORRADO MIRTO (peraltro, Presidente del F.N.S.), il quale è oggi il massimo studioso vivente della Storia del Vespro. Ed è anche il Presidente del COMITATO SICILIANO PER IL RECUPERO DELLA MEMORIA STORICA.

L’FNS proporrà, con l’occasione, che la Rivoluzione del Vespro venga ricordata, conosciuta e studiata, per quello che realmente fu e per i suoi contenuti ideali, sociali e politici.

Gli Indipendentisti di lu FRUNTI NAZZIUNLI SICILIANU ribadiscono che il recupero della mostra MEMORIA STORICA e la consapevolezza della nostra identità sono valori che ci consentiranno di guardare al presente, al futuro e alla rinascita della Sicilia con forza morale e con maggiore larghezza di vedute. Il tutto al di sopra di ogni altra considerazione. E soprattutto al di sopra e al di fuori di ogni riferimento e di ogni contingenza “elettorali”.

 

A N T U D U !

 

Palermu, 18 marzu 2012

 

‘U Sikritariu Pulitiku Nazziunali

(Pippu SCIANO’)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *