KUMMUNIKATU FNS

PRIMO MAGGIO 2012.
DENUNZIA DELL’ F.N.S.

IN SICILIA È UN “PRIMO MAGGIO” AMARO.
ABBIAMO BEN POCO DA FESTEGGIARE.
* * *
CRISI, DISOCCUPAZIONE,
“DE-INDUSTRIALIZZAZIONE”, RAPACITÀ FISCALE, RETROCESSIONE ECONOMICA E PRODUTTIVA, CORRUZIONE, PARASSITISMO, VOTO DI SCAMBIO, ASCARISMO POLITICO
E, SOPRATTUTTO, MAFIA E “MALAPOLITICA”, LA FANNO DA PADRONI, DOMINANDO LA “SCENA”.
E NON SOLTANTO LA “SCENA” …

E, COME SE CIÒ NON BASTASSE, C’È CHI “CONGIURA” PER REALIZZARE IL PONTE-IMBUTO SULLO STRETTO DI MESSINA; PER ISTITUIRE LA REGIONICCHIA CALABRO-SICULA DELLO STRETTO “ACCORPANDO” IN UN UNICO “MOSTRO” POLITICO E TERRITORIALE LE PROVINCE DI REGGIO CALABRIA E DI MESSINA; PER DIVIDERE LA SICILIA IN DUE O TRE REGIONICCHIE (O MEGA-PROVINCE) …
E PER
DISTRUGGERE L’UNICA, VERA, SICILIA. O, PEGGIO, PER “VENDERE” LA SICILIA STESSA ALLA CINA.

* * *

NON POSSIAMO DIMENTICARE O SOTTACERE CHE RICORRE IL 65° ANNIVERSARIO DELLA IGNOBILE ED ORRENDA STRAGE DI PORTELLA DELLA GINESTRA, AVVENUTA IL PRIMO MAGGIO DEL 1947.
Undici furono le vittime INNOCENTI che vi PERSERO la vita. Molti di più i feriti.
Le commemorazioni, per quanto sentite e partecipate, rimangono ancora oggi “
rituali“. Senza alcuno sforzo eccezionale per conoscere meglio i mandanti, gli esecutori. Nonché le responsabilità specifiche di chi, eventualmente, avrebbe potuto e dovuto evitare la strage … e non la evitò.
Nessuno si illuda: il problema non si risolve certamente con i goffi tentativi di eludere o di minimizzare il coinvolgimento della BANDA GIULIANO, della MAFIA e dei gruppi di potere legati ai partiti politici italiani unitari e dominanti in quel periodo.
L’ FNS torna a chiedere, sull’intera tragica vicenda, verità e giustizia.

* * *

UN DISCORSO A PARTE, IN QUESTO CONTESTO, MERITA LA MANCATA APPLICAZIONE INTEGRALE DELLO STATUTO DI AUTONOMIA PER LA REGIONE SICILIANA, EMANATO IL 15 MAGGIO DEL 1946 ED ANCORA OGGI DISATTESO, CALPESTATO, DERISO. E PERSINO “STRUMENTALIZZATO” INDEGNAMENTE ED ARTATAMENTE PER “DISTRARRE” L’OPINIONE PUBBLICA DAI PERICOLI ANCOR PIÙ GRAVI RAPPRESENTATI DALLE CONGIURE E DALLE TRAME ANTI-SICILIANE IN PIENO SVOLGIMENTO.

* * *

Gli Indipendentisti di lu FRUNTI NAZZIUNALI SICILIANU, vogliono con l’occasione ricordare che il primo maggio del 2012 coincide tuttavia anche con la ricorrenza del 121° anniversario della fondazione a CATANIA (via Costarelli n.8) del primo “FASCIO dei Lavoratori Siciliani” ad opera dell’indimenticabile sicilianista Giuseppe DE FELICE GIUFFRIDA.

* * *

L’FNS ricorda che il 1° maggio del 1907, ad Agrigento, fu formulata la FEDERAZIONE SICILIANA DELLE COOPERATIVE.

* * *

L’ FNS ricorda altresì la figura e l’opera di NICOLA BARBATO, che per primo aveva radunato i lavoratori siciliani a Portella della GINESTRA nei pressi di quello che ancora oggi si chiama il SASSO di BARBATO.

INSOMMA: PER IL POPOLO SICILIANO, QUEST’ANNO, LA RICORRENZA DEL PRIMO MAGGIO DOVRÀ ESSERE UN’OCCASIONE DI RIFLESSIONE, DI PROTESTA NONCHÉ DI RIAFFERMAZIONE DEI DIRITTI USURPATI, di RECUPERO della MEMORIA STORICA E DELLA VERITÀ.
MA DOVRÀ SEGNARE soprattutto L’INIZIO DI UNA GRANDE MOBILITAZIONE PER LA RINASCITA ECONOMICA, MORALE E POLITICA DELLA SICILIA TUTTA.

A N T U D U !

Palermu, 30 aprili 2012

p. ‘A SIKRITARIA NAZZIUNALI FNS
PIPPU SCIANÒ
KURRAHU MIRTO
ARTURU FRASCA

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *